Vittime di tratta

Il 3 marzo 2022 presso la Prefettura di Torino, capofila del progetto europeo ALFA – accogliere le fragilità – è stato sottoscritto il Protocollo d’Intesa multi-agenzia per la tutela delle vittime ed il contrasto alla tratta e al grave sfruttamento.

Gli Enti proponenti sono la Prefettura di Torino, la Commissione Territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Torino, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino, la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni del Piemonte e della Valle d’Aosta, la Questura di Torino e la Regione Piemonte anche in rappresentanza della rete anti-tratta del Piemonte e della Valle d’Aosta “Anello Forte III” (Cooperativa Progetto Tenda, Ufficio Pastorale Migranti, Associazione Idea Donna, Associazione Tampep, Associazione Gruppo Abele, Associazione Almaterra, Associazione Papa Giovanni XXIII, Associazione Granello di Senape, Consorzio Monviso Solidale, Cooperativa Insieme a Voi, Cooperativa Alice, Associazione Piam Onlus; Associazione San Benedetto al Porto, Consorzio CISSACA; Associazione Liberazione e Speranza; Associazione Papa Giovanni XXIII).

Tra i soggetti firmatari: il Comando della Legione Piemonte e Valle d’Aosta dell’Arma dei Carabinieri, il Comando Regionale della Guardia di Finanza del Piemonte-Valle d’Aosta, l’Ispettorato Interregionale del lavoro di Milano, ANCI Piemonte e IRES Piemonte.

ll Protocollo contiene procedure operative da attuarsi per la protezione e l’assistenza delle vittime di tratta e di sfruttamento e per la prevenzione e il contrasto della tratta di esseri umani. Lo strumento ha quali finalità il consolidamento di un approccio uniforme nell’identificazione e nell’assistenza delle potenziali vittime di tratta, il rafforzamento dell’interazione tra i diversi soggetti anche attraverso lo scambio di informazioni e la promozione della formazione congiunta degli operatori del settore.

Per approfondire vai al sito della Prefettura di Torino

Venerdì, 05 Ottobre 2018 18:58

Che cos’è la tratta di esseri umani?

La tratta di esseri umani, punita dall’art. 601 c.p., è una pratica che consiste nel forzare o indurre una persona a fare ingresso o a soggiornare sul territorio per sfruttarla a fini lavorativi, sessuali, nell’accattonaggio, nel compimento di attività illecite o per sottoporla al prelievo di organi.
La legge punisce penalmente questo comportamento, prevedendo una pena detentiva compresa tra otto e venti anni.

Pubblicato in DOMANDE
Venerdì, 05 Ottobre 2018 18:57

Che cos’è il Sistema Antitratta?

Il Piano nazionale di azione antitratta (PNA) stabilisce le strategie di intervento dello Stato sul fenomeno della tratta e del grave sfruttamento, con l’obiettivo di migliorare la risposta nazionale al fenomeno in termini di prevenzione, contrasto e repressione del crimine, protezione e integrazione delle vittime e cooperazione con i paesi d’origine.
Il Piano definisce le priorità di intervento, le possibili fonti di finanziamento, le principali azioni che devono essere sviluppate sul territorio e le amministrazioni competenti per ciascuna azione.

Pubblicato in DOMANDE

Per aiutare gli operatori ad individuare presunte vittime di tratta e grave sfruttamento, il PNA ha sviluppato le Linee guida per la definizione di un meccanismo di rapida identificazione delle vittime di tratta e grave sfruttamento (all. 2 al PNA): le linee guida contengono disposizioni utili sull’approccio alle presunte vittime, sulle modalità di intervista delle stesse e sul processo di identificazione, nonché un elenco, non esaustivo, di indicatori utili all’individuazione di una presunta situazione di tratta.

Pubblicato in DOMANDE
Iscriviti alla nostra newsletter:
Joomla Extensions powered by Joobi

Search