Non categorizzato

Non categorizzato

Canva

Una presenza stabile

La maggior parte degli stranieri non comunitari (55%) ha un permesso di soggiorno di lungo periodo: si tratta di un titolo di soggiorno di durata illimitata, che può essere richiesto dai cittadini di paesi terzi e/o apolidi che siano regolarmente e continuativamente soggiornanti in Italia da almeno 5 anni. È un permesso di soggiorno che ha validità europea e che consente di circolare e lavorare liberamente in ogni stato membro dell’Unione Europea (per saperne di più).

[Fonte: ISTAT, dati al 01/01/2023]


 

Nel 2023 in Piemonte le acquisizioni di cittadinanza italiana sono 18.308, in lieve calo rispetto al 2021 (19.208). La ripartizione di genere risulta quasi perfettamente equilibrata (9.171 uomini e 9.137 donne).

Negli ultimi 10 anni in Piemonte hanno acquisito la cittadinanza italiana 146.454 persone.

[Fonte: Osservatorio Demografico Territoriale del Piemonte, dati al 31/12/2023]

 

Il principale motivo di acquisizione (41%) è per residenza, che implica l'aver vissuto in Italia in modo continuativo per almeno dieci anni. Il dato più elevato risulta comunque quello riferito agli altri motivi (47%), che al loro interno però comprendono situazioni differenti: vi è compresa infatti l'acquisizione di cittadinanza per naturalizzazione, che riguarda i neo-maggiorenni nati e cresciuti in Italia che al 18esimo anno di età possono richiedere la cittadinanza; a questi si aggiungono coloro che la acquisiscono da minorenni per la trasmissione del diritto da parte di genitori divenuti italiani e coloro che l’acquisiscono per ius sanguinis, in quanto figli o discendenti di cittadini italiani (ad esempio Argentina e Brasile).

Le prime cinque nazionalità per numero di acquisizioni continuano ad essere: Marocco, Albania e Romania, presenze numerose e storiche sul territorio piemontese, cui si aggiungono Argentina e Brasile, paesi di origine di molti piemontesi emigrati all’estero.

[Fonte: ISTAT, dati al 31/12/2022]

pdfscarica l'infografica completa

 

Tabelle e grafici

xlsx01_Presenze_per_provincia_01_2023.xlsx

xlsx02_Acquisizioni_cittadinanza_per_provincia_12_2023.xlsx

xlsx03_Acquisizioni_cittadinanza_ultimi10anni_12_2023.xlsx

xlsx04_Motivo_acquisizioni_cittadinanza_12_2022.xlsx

xlsx05_Principali_nazionalità_acquisizioni_cittadinanza_12_2022.xlsx

Materiali Fatti Riconoscere

Parole da sbucciare

FAQ

Le FAQ suddivise nelle sezioni “Vivere”, “Studiare” e “Lavorare in Italia” sono tratte dalla guida realizzata nel 2018 da Regione Piemonte, IRES Piemonte e a cura dell’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) nell’ambito di un Accordo sottoscritto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. La versione aggiornata, realizzata a maggio 2022, è stata realizzata da IRES Piemonte, ASGI e Associazione Multietnica dei Mediatori Interculturali (A.M.M.I.) nell’ambito del progetto Mediato 8.

La Guida è strutturata in schede articolate in domande e risposte ed è disponibile in 6 lingue; è possibile scaricarla integralmente qui sotto oppure scaricare le singole schede tematiche all'interno di ciascun capitolo.

pdfVivere, studiare e lavorare in Italia - guida pratica per operatori e cittadini stranieri

pdfLiving, studying, working in Italy - a practical guide for foreign citizens and professionals

pdfVivre, étudier, travailler en Italie - guide pratique pour les citoyens étrangers et les opérateurs

pdfVivir, estudiar, trabajar en Italia - guía práctica para ciudadanos extranjeros y operadores

pdfالعيش ,الدراسة العمل في- إيطاليا الدليل العمليللمواطنين الأجانب و العاملين

pdf在意大利生活,学习,和工作 - 外国公民和移民工作人员的实用指南

Percorsi di istruzione e formazione

Descrizione

 

In questa sezione troverai le informazioni rispetto all’accesso ai percorsi di istruzione di scuola secondaria di primo e di secondo grado, alla formazione professionale e istruzione tecnica superiore e all’istruzione accademica di primo e secondo livello e post laurea, con un titolo di studio conseguito all’estero e non legalmente riconosciuto in Italia (per le informazioni sul riconoscimento dei titoli di studio esteri in Italia consulta l’area Percorsi di accesso al lavoro).

Attenzione! L’uso di un titolo di studio conseguito all’estero per l’iscrizione ad un percorso di Istruzione e Formazione, di qualsiasi indirizzo e livello, comporta da parte dell’ente competente una valutazione di corrispondenza. Tale valutazione, anche se positiva e che consenta quindi di completare l’iscrizione, non conferisce al tuo titolo di studio alcun valore legale in Italia, e dovrà comunque essere ripetuta per ogni percorso formativo a cui vorrai iscriverti.

Attenzione! Se sei in Italia con un permesso di soggiorno per Richiesta Asilo, non potrai iscriverti a nessun corso accademico, se non a singoli insegnamenti previsti all’interno dei corsi di laurea. In questo caso, se dopo aver conseguito lo status di rifugiato ti iscriverai al corso di laurea, i crediti dell’esame sostenuto ti verranno riconosciuti.

Attenzione! Se sei un Titolare di Protezione Internazionale, puoi essere esentato da alcune delle pratiche normalmente richieste e che prevedono la necessità di contatto con l’amministrazione pubblica del paese da cui provieni. Inoltre, quando tra i documenti richiesti troverai la Dichiarazione di Valore, rilasciata dalla Rappresentanza Diplomatica Italiana competente per il paese in cui hai studiato, potrai richiederla dall’Italia tramite l’apposito servizio del Ministero Affari Esteri , e se avrai bisogno dell’Attestato di Comparabilità rilasciato dal Cimea, potrai richiederlo in forma gratuita. Più in generale, se non ti sarà possibile produrre tutti i documenti richiesti, ti consigliamo di verificare sempre con la segreteria competente per l’iscrizione la possibilità di deroghe alla procedura standard.

 

Percorsi di accesso al lavoro

Descrizione

 

In questa sezione troverai le informazioni rispetto all'accesso ai percorsi che hanno come obiettivo un accesso diretto al mercato del lavoro con un titolo di studio o professionale conseguito all'estero e non legalmente riconosciuto in Italia, tramite il conferimento di valore legale al tuo titolo di studio o alla tua qualifica professionale, valutazioni di equivalenza per l’accesso al pubblico impiego o per altri fini specifici, oppure tramite altre forme di validazione e certificazione delle competenze acquisite. Questi percorsi non prevedono il passaggio attraverso l’iscrizione a un percorso di istruzione e formazione (per le informazioni sull’accesso a percorsi formativi con un titolo di studio conseguito all’estero, consulta l’area percorsi di istruzione e formazione).

Attenzione! Anche se l’iscrizione a un corso di studi o di formazione professionale o tecnica non è l’obiettivo di questi percorsi, può accadere che l’esito della richiesta sia un riconoscimento parziale del tuo titolo estero o un riconoscimento vincolato al superamento di misure compensative. In questo caso, affinché il percorso abbia esito positivo, dovrai comunque iscriverti per completare il corso di studi oppure prepararti per superare la misura compensativa prescritta (Esame Attitudinale o Tirocinio di Adattamento), altrimenti il tuo titolo di studio o la tua abilitazione professionale continueranno a non aver alcun valore legale in Italia.

Attenzione! Se sei in Italia con un permesso di soggiorno per Richiesta Asilo, ti sconsigliamo di intraprendere i percorsi di riconoscimento accademico. Se infatti l’esito di una domanda di riconoscimento laurea dovesse essere un riconoscimento parziale, in quanto richiedente asilo non potrai iscriverti per sostenere gli esami accademici non riconosciuti. Inoltre, in tutti i percorsi, non potrai usufruire di tutte le deroghe e le facilitazioni nella preparazione dei documenti richiesti, previste per i Titolari di Protezione Internazionale.

Attenzione! Se sei un Titolare di Protezione Internazionale, puoi essere esentato da alcune delle pratiche normalmente richieste e che prevedono la necessità di contatto con l'amministrazione pubblica del paese da cui provieni. Inoltre, quando tra i documenti richiesti troverai la Dichiarazione di Valore, rilasciata dalla Rappresentanza Diplomatica Italiana competente per il paese in cui hai studiato, potrai richiederla dall'Italia tramite l'apposito servizio del Ministero Affari Esteri , e se avrai bisogno dell'Attestato di Comparabilità rilasciato dal Cimea, potrai richiederlo in forma gratuita. Più in generale, se non ti sarà possibile produrre tutti i documenti richiesti, ti consigliamo di verificare sempre con gli uffici competenti la possibilità di deroghe alla procedura standard.

Webinar Lavoratori stranieri: quali strategie e oppurtunità per le imprese

2° incontro - 8 ottobre 2020 - Servizi, strumenti e incentivi per l'inserimento

1. Fabbisogni aziendali, profili cercati e difficoltà di reclutamento, Ceipiemonte - slide

2. Servizi, strumenti, incentivi per l'inserimento, Agenzia Piemonte lavoro - slide

3. Scheda Tirocini extra-UE Piemonte - scheda

4. Catalogo ANPAL - Regione Piemonte su incentivi all'assunzione, aggiornamento al 20/09/2020 - documento

                                                                    5. Promuovere con le imprese l'occupazione dei rifugiati, UNHCR - slide

 

3° incontro - 15 ottobre 2020 - Identificare, valutare e valorizzare le competenze

1. Migranti, imprese e soft skill, Ceipiemonte - slide

2. Come individuare le soft skill dei migranti?, Agenzia Piemonte Lavoro - slide

3. Buone prassi di valutazione delle soft skill, Fondazione Casa di Carità  - slide

4. Sitografia

 

4° incontro - 22 ottobre 2020 - Gestire e valorizzare le differenze culturali in azienda

1. Imprese e multi-culturalità: dati indagine Ceipiemonte -  slide

2. Gestire e valorizzare le differenze culturali in azienda, Viviana Premazzi GMD - slide

 

 

 

5° incontro - 29 ottobre 2020 - Diversity Management come leva di competitività aziendale

1. Imprese e le sfide del DM, Ceipiemonte - slide

2. Il Servizio Sociale Aziendale in una prospettiva inclusiva, Confindustria Cuneo - slide

3. Casi aziendali di Inclusione e Diversity Management, Confindustria Cuneo - slide

4. La diversità come fattore competitivo d'impresa, Fondazione Adecco Pari Opportunità - slide

Lavoratori stranieri: quali strategie e opportunità per le imprese?

Attività in programma:
Ciclo
di incontri in-formativi "Lavoratori stranieri: quali strategie e opportunità per le imprese?"  in modalità webinar 


1 ottobre  2020 - Aspetti legali e formali per un buon inserimento

Inserimento di stranieri: i dati dell'indagine sulle aziende piemontesi, Ceipiemonte -  slide

Permessi di soggiorno, documenti e adempimenti amministrativi per l'inserimento lavorativo, Avv. ASGI Ghirardi e Agenzia Piemonte Lavoro - slide

Forum di Consulenza on line per le imprese di Immigrazione Piemonte, Ires -  slide

 


8 ottobre 2020 - Servizi, strumenti e incentivi per l'inserimento

Fabbisogni aziendali, profili cercati e difficoltà di reclutamento, Ceipiemonte - slide

Servizi, strumenti, incentivi per l'inserimento, Agenzia Piemonte lavoro - slide aggiornate

Scheda Tirocini extra-UE Piemonte - scheda

Catalogo ANPAL - Regione Piemonte su incentivi all'assunzione, aggiornamento al 20/09/2020 - documento

Promuovere con le imprese l'occupazione dei rifugiati, UNHCR - slide


15 ottobre - Identificare, valutare e valorizzare le competenze - Guarda la registrazione del webinar

 Migranti, imprese e soft skill, Ceipiemonte - slide

Come individuare le soft skill dei migranti? Agenzia Piemonte Lavoro - slide

Buone prassi di valutazione delle soft skill, Fondazione Casa di Carità  - slide

Sitografia

 


22 ottobre 2020 - Gestire e valorizzare le differenze culturali in azienda - Guarda la registrazione del webinar

Imprese e multi-culturalità: dati indagine Ceipiemonte -  slide

Gestire e valorizzare le differenze culturali in azienda, Viviana Premazzi GMD - slide

 

 


29 ottobre 2020 - Diversity Management come leva di competitività aziendale

Imprese e le sfide del DM, Ceipiemonte - slide

Il Servizio Sociale Aziendale in una prospettiva inclusiva, Confindustria Cuneo - slide

Casi aziendali di Inclusione e Diversity Management, Confindustria Cuneo - slide

La diversità come fattore competitivo d'impresa, Fondazione Adecco Pari Opportunità - slide

Videolezioni sul Piano triennale contro lo sfruttamento lavorativo in agricoltura e il caporalato

2° incontro 30 settembre 2020
"Il Piano di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato"

Laura Calafà, dell'Università di Verona - DipartimentoScienze Giuridiche, esperta di Diritto del Lavoro e capofiladel Progetto Farm (Progetto Fami di ricerca-azione sulcaporalato).

pdfslide

 

3° Incontro 6 ottobre 2020

"L'ispettorato del lavoro e la sua azione all'interno delPiano di contrasto al caporalato"

Roberta Fabrizi, Dirigente dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro - Direzione Centrale Tutela, Sicurezza e Vigilanza del Lavoro.

pdfslide

 

 

4° incontro 13 ottobre 2020

"Il ruolo dei progetti anti-tratta nel grave sfruttamentolavorativo, tra tutela dei diritti umani e percorsi diassistenza. Una riflessione condivisa in chiaveoperativa"

Paola Degani, Università di Padova - Dipartimento diScienze Politiche Giuridiche e Studi Internazionali e Centro di Ateneo per i Diritti Umani "A. Papisca"

pdfslide

Search